Cartapesta Riso


Vai ai contenuti

Menu principale:



Affabulatoria, “povera”, ma certo nobilissima nella sua forma creativa.
Semplicemente, frutto del genio locale, che fa di quest’artigianato, o arte che dir si voglia, un “unicum” nel suo genere, finanche dal punto di vista della collocazione sul territorio.

Nella storia e a tutt’oggi, infatti, la cartapesta è ancorata alla città di Lecce in un binomio inscindibile.

Legata e connaturata all’architettura barocca, alla grandiosa stagione artistica sviluppatasi durante i secoli XVII e XVIII, e dalla quale prende le mosse e la interpreta, verrebbe a dire, con “leggerezza” e disincanto.

Sicchè, se da una parte l’arte barocca leccese lega la sua fioritura alle locali scuole degli scalpellini della pietra, la famosa “pietra leccese”, dall’altra la cartapesta (con la sua straordinaria versatilità di prestarsi a imitare materiali più nobili, come argento, marmo o bronzo), riconduce al tempo in cui, grazie soprattutto alla committenza religiosa, aveva determinato una vera nobilitazione
del tradizionale esercizio artigiano, che veniva ad identificarsi col fenomeno del barocco.


Disabilitare il tasto destro del mouse - Esempio JavaScript scaricato da HTML.it











Torna ai contenuti | Torna al menu